AUMENTANO LE RICHIESTE DI CASE IN CAMPAGNA

AUMENTANO LE RICHIESTE DI CASE IN CAMPAGNA

Che il Covid-19 abbia avuto un forte impatto anche sul settore immobiliare è ormai evidente. Tra le sue conseguenze c’è stato per esempio il boom di richieste per case in campagna, come illustrato in un recente articolo del Sole24Ore. Nell’attesa di capire se questo trend proseguirà nei prossimi mesi, favorito dal diffondersi dello smart working, o se invece si è trattato di un fenomeno temporaneo legato al bisogno di spazi aperti durante e dopo il lockdown, esaminiamo più da vicino i numeri di questo “ritorno alla natura”.

Bresciano e Alessandrino le zone più richieste

La domanda di rustici e casali nei borghi e nei piccoli comuni ha registrato un incremento pari a circa il 30% rispetto al periodo pre-Covid. All’interno di questo quadro che, con poche eccezioni, accomuna l’Italia da Nord a Sud ci sono delle realtà che spiccano con cifre davvero importanti. Parliamo delle province di Brescia e Alessandria, dove le richieste sono più che triplicate (rispettivamente +268% e +241%), ma anche di Asti, Verona e Viterbo con un raddoppio nella domanda. Solo 9 province fra le 33 esaminate mostrano un trend opposto, con meno richieste di case in campagna rispetto ai mesi precedenti la pandemia: ribassi soprattutto ad Ancona (-62%), Pisa (-42%) e Sassari (-36%).

Prezzi spesso inferiori a mille euro al m/q

A favorire gli investimenti in aree rurali anche i prezzi, che sono in linea generale molto più bassi rispetto alle grandi città e che non hanno subito grosse variazioni nonostante l’aumento della domanda, anzi: in media sono rimasti stabili (+0,1%) rispetto al periodo pre-Covid. Ci sono ovviamente delle eccezioni in positivo come le province di Roma (+25,4%), Pisa (+20,1%) e Bologna (+18,9%) e in negativo (Pesaro-Urbino ha perso quasi il 12%, Rimini circa il 10,5%). Per quanto riguarda il costo al metro quadro la situazione è molto variegata: si va dalle cifre record di Montalcino (circa 6.700 euro al m/q) e di Monte Argentario (5.045 euro/mq) a quelle molto più abbordabili dell’Astigiano (838 euro/mq), del Ragusano (799 euro/mq) e dell’Alessandrino (508 euro/mq). In totale sono oltre 100 le località dove trovare immobili spendendo meno di mille euro al m/q.

di Laura Fabbro

Leave your comment

Please enter comment.
Please enter your name.
Please enter your email address.
Please enter a valid email address.